Cerca

Tribunale Amministrativo Regionale Trento, 30 giugno 2020 n. 102, Comune Valfloriana

La  sentenza del Tar Trento ha riconosciuto la legittimità del provvedimento con cui il Comune ha sospeso l’esercizio dell’uso civico sui terreni di proprietà comunale,  soggetti ad uso civico della comunità, in quanto necessari per la costruzione di una centralina idroelettrica e relative condotte di adduzione delle acque derivata dal Rio delle Seghe e per tutta la durata della concessione.

Il provvedimento è stato impugnato per aver il Comune stabilito un canone compensativo della sospensione del diritto di uso civico, previa autorizzazione del Servizo Autonomie locali della Provincia Autonoma di Trento.  

La sentenza del TAR è interessante perchè riconosce la legittimità sia dell’utiizzazione del bene civico a vantaggio della comunità, che del canone compensativo, da destinarsi sempre a beneficio della stessa comunità. 

Brevi note

Articoli correlati

Illegittimità del silenzio dell’A. sulla diffida a concludere il procedimento di affrancazione degli usi civici ento un termine da determinarsi.[...]
Il  TAR Puglia, con una sentenza molto motivata, osserva che il provvedimento di legittimazione delle occupazioni abusive di terre del[...]
IL TAR BRESCIA HA RITENUTO IMPROCEDIBILE PER DIFETTO SOPRAVVENUTO DI INTERESSE  IL RICORSO  DEL COMUNE DI ZONE  AVVERSO IL DINIEGO[...]
Niente più post da mostrare