Cerca

Cons. Stato, sez. II, 22 giugno 2005, n. 3699/03, provvedimenti e sentenze commissariali, impugnativa, giurisdizione amministrativa in materia di qualitas soli, difetto, legittimazione delle occupazioni di demanio civico, affrancazione canoni, giurisdizio

Le controversie concernenti i provvedimenti del commissario per la liquidazione degli usi civici devono essere impugnati dinanzi la corte d’appello, sezione speciale, di Roma, o innanzi al giudice amministrativo (ovvero con ricorso straordinario al presidente della repubblica) a seconda che consistano in una pronuncia che risolva un conflitto di diritti, oppure in un semplice atto amministrativo, da cui derivi soltanto la lesione di un interesse soggettivo.

Non è ammessa la giurisdizione amministrativa in tema di controversie concernenti l’esistenza del diritto di uso civico, della qualità pubblica o privata dei suoli o del mancato scioglimento di comunioni per servitù fra più comuni.

Nel procedimento di legittimazione delle occupazioni di terre del demanio civico, il potere giurisdizionale del commissario per la liquidazione degli usi civici è limitato all’accertamento dei presupposti della legittimazione delle occupazioni delle terre del demanio civico, mentre ogni determinazione concernente le condizioni della legittimazione, compresa la misura del canone di natura enfiteutica, e quindi del corrispondente capitale di affrancazione, rientra negli autonomi poteri di valutazione del commissario, sindacabili solo dal giudice amministrativo in sede di impugnazione degli atti finali del procedimento di legittimazione; con la conseguenza che nel corso di tale procedimento né il commissario né altri ha il potere di giurisdizione in ordine alla determinazione del canone e del capitale di affrancazione, e successivamente alla conclusione dello stesso, le eventuali contestazioni circa la sua regolarità possono essere sollevate esclusivamente attraverso l’impugnazione davanti al g.a., dovendosi escludere un potere giurisdizionale del commissario avente ad oggetto l’accertamento della regolarità degli atti da lui stesso compiuti.

 

Brevi note

Articoli correlati

Niente più post da mostrare