Cerca

Cass. 2° sez. 6 maggio 1980 n. 2986, ubi feuda ibi demania, in feudo abitato: vale anche per il feudo laziale

Cass. 6 maggio 1980, n. 2986 –  Comune di Cori – Ubi feuda ibi demania – preesistenza della popolazione nel territorio  – concessione in feudo. Importante sentenza sulla feudalità nell’Italia centrale.

La Cassazione estende la massima della Commissione feudale valevole per il meridione d’Italia  anche al Nord e Centro Italia.

 La massima è importante  poichè nel feudo abitato, dove preesisteva una popolazione, il signore non poteva ridurre o annullare i diritti vitali ed insopprimibili degli uomini del contado ad utilizzare i prodotti della terra per i bisogni essenziali di vita. 

 

Brevi note

Articoli correlati

Proprieta_e_funzione_sociale_ Per la prima volta le Sez. Un. nella sentenza 14 febbraio 2011 n. 3665 sulle valli da pesca della[...]
La Sez. 2° Cass. si occupa dei poteri d’ufficio del Commissario usi civici e della non espropriabilità dei beni di[...]
In un giudizio in cui il Comune de L’Aquila aveva agito in via petitoria per il rilascio di beni appartenenti[...]
Giurisprudenza oramai consolidata ma è bene ricordarla. La parte in diritto dell’ordinanza e la massima sono pubblicate in www.osservatorioagromafie.it cass-civ-5989-2024
Niente più post da mostrare