Cerca

Cass. civ., 22 luglio 1982, n. 4286, Partecipanza Agraria di Cento, giurisdizione

La domanda proposta nei confronti della partecipanza agraria di Cento, dal componente di una delle famiglie indicate nel suo statuto, per far valere il diritto di partecipare alla divisione periodica ed alla assegnazione in godimento esclusivo di lotti di terreno di proprietà di detto ente, insorgendo avverso i provvedimenti negativi in proposito adottati dagli organi del medesimo, esula dalle attribuzioni giurisdizionali del commissario regionale per la liquidazione degli usi civici, di cui all’art. 29 l. 16 giugno 1927, n. 1766, e resta devoluta alla cognizione del giudice ordinario, atteso che, pur riguardando rapporti con persona giuridica pubblica compresa fra le associazioni agrarie contemplate dalla suddetta legge, non coinvolge questioni pregiudiziali o strumentali rispetto ai compiti amministrativi demandati al commissario al fine della sistemazione delle terre di demanio civico, né comunque l’esercizio di potestà del commissario stesso, ma implica esclusivamente il riconoscimento o meno di un diritto di credito nei confronti di detta partecipanza (diritto ad una somma di denaro equivalente al valore del terreno non assegnato, a norma dell’art. 105 dello statuto dell’ente).

Brevi note

Articoli correlati

Proprieta_e_funzione_sociale_ Per la prima volta le Sez. Un. nella sentenza 14 febbraio 2011 n. 3665 sulle valli da pesca della[...]
La Sez. 2° Cass. si occupa dei poteri d’ufficio del Commissario usi civici e della non espropriabilità dei beni di[...]
In un giudizio in cui il Comune de L’Aquila aveva agito in via petitoria per il rilascio di beni appartenenti[...]
Giurisprudenza oramai consolidata ma è bene ricordarla. La parte in diritto dell’ordinanza e la massima sono pubblicate in www.osservatorioagromafie.it cass-civ-5989-2024
Niente più post da mostrare