Cerca

Cass. civ., 21 novembre 1983, n. 6916, legittimazione di occupazioni sine titolo, giurisdizione

Il provvedimento di legittimazione del commissario liquidatore di usi civici è costitutivo di un diritto soggettivo pieno in capo all’occupante legittimato, il quale può agire in rivendica a tutela di tale suo diritto reale innanzi al giudice ordinario nei confronti dell’occupante pretermesso; quest’ultimo, qualora lamenti che l’ordinanza di legittimazione abbia leso una sua situazione soggettiva, non può chiedere al giudice ordinario, ancorché in via riconvenzionale, la disapplicazione dell’ordinanza di legittimazione, essendo portatore di un interesse legittimo azionabile innanzi al giudice amministrativo al quale spetta il sindacato dei presupposti del provvedimento di legittimazione dell’occupazione di terre del demanio civico.

Brevi note

Articoli correlati

La Sez. 2° Cass. si occupa dei poteri d’ufficio del Commissario usi civici e della non espropriabilità dei beni di[...]
In un giudizio in cui il Comune de L’Aquila aveva agito in via petitoria per il rilascio di beni appartenenti[...]
Giurisprudenza oramai consolidata ma è bene ricordarla. La parte in diritto dell’ordinanza e la massima sono pubblicate in www.osservatorioagromafie.it cass-civ-5989-2024
Questione di giurisdizione in materia di mutamento della destinazione d’uso di un terreno gravato da uso civico al fine di[...]
Niente più post da mostrare