Cerca

Cass. civ., 25 marzo 1991, n. 3193, affitto di fondo rustico, giurisdizione

La controversia fra il comune ed un privato, al quale il comune medesimo abbia concesso in affitto un fondo rustico, ove verta sulla validità del rapporto d’affitto, e sulla conseguente spettanza del diritto alla proroga legale, in relazione al pacifico presupposto dell’appartenenza di detto fondo al demanio di uso civico, investe questioni esclusivamente attinenti a quel contratto, senza richiedere accertamenti sulla sussistenza ed estensione di diritti di uso civico e, pertanto, esula dalla competenza giurisdizionale del commissario per la liquidazione degli usi civici, restando devoluta alla cognizione del giudice ordinario.

Brevi note

Articoli correlati

sulla competenza del Commissario usi civici  per l’accertamento della qualitas soli  nell’esproprio dei terreni gravati senza mutamento di destinazione cass-civ-13938-2024
Proprieta_e_funzione_sociale_ Per la prima volta le Sez. Un. nella sentenza 14 febbraio 2011 n. 3665 sulle valli da pesca della[...]
La Sez. 2° Cass. si occupa dei poteri d’ufficio del Commissario usi civici e della non espropriabilità dei beni di[...]
In un giudizio in cui il Comune de L’Aquila aveva agito in via petitoria per il rilascio di beni appartenenti[...]
Niente più post da mostrare