Cerca

Cass. civ., sez. un., 13 gennaio 1993, n. 360, eccezione di demanialità civica, giurisdizione

Ove in una controversia instaurata dinanzi al giudice ordinario venga dedotta esistenza di usi civici su fondi oggetto della controversia stessa, il detto giudice può disattendere la relativa eccezione – volta alla declaratoria della giurisdizione commissariale, ai sensi dell’art. 29 l. 16 giugno 1927 n. 1766 – solo in quanto essa appaia ictu oculi infondata, ossia si manifesti, senza l’esigenza di particolari indagini e approfondimenti in fatto ed in diritto, come palesemente connotata dagli aspetti della pretestuosità e del perseguimento di scopi decisivi e dilatori.

Brevi note

Articoli correlati

lungo e complesso contenzioso per la liquidazione di usi civici su terre private CORTE SUPREMA [...]

La vertenza riguarda  il diritto di partecipare alla Regola della famiglia regoliera  e non dei [...]

sulla competenza del Commissario usi civici  per l’accertamento della qualitas soli  nell’esproprio dei terreni gravati senza [...]

La Sez. 2° Cass. si occupa dei poteri d’ufficio del Commissario usi civici e della [...]

In un giudizio in cui il Comune de L’Aquila aveva agito in via petitoria per [...]

Niente più post da mostrare