Cerca

Cass., sez. un., 10 agosto 1996, n. 7407, legittimazione e rivendica, giurisdizione

La vis attractiva della competenza giurisdizionale del commissario regionale per gli usi civici opera nei soli casi in cui egli debba decidere sulla sussistenza o meno della demanialità civica e la relativa questione si ponga in ordine agli accertamenti a lui demandati ai fini dell’esplicazione delle funzioni amministrative affidategli dalla legge; pertanto, nel caso in cui il commissario abbia emesso un provvedimento di legittimazione relativamente ad un bene che venga poi accertato appartenere al demanio marittimo dello stato, la competenza giurisdizionale a conoscere delle azioni di rivendica proposte dai privati o, iure privatorum, dalla p.a., riguardo a quel bene, appartiene al giudice ordinario, il quale, correttamente, procede alla disapplicazione di detto provvedimento, rilevando che esso, essendo affetto dal vizio di incompetenza assoluta, non ha inciso sulla originaria qualitas soli.

Brevi note

Articoli correlati

lungo e complesso contenzioso per la liquidazione di usi civici su terre private CORTE SUPREMA [...]

La vertenza riguarda  il diritto di partecipare alla Regola della famiglia regoliera  e non dei [...]

sulla competenza del Commissario usi civici  per l’accertamento della qualitas soli  nell’esproprio dei terreni gravati senza [...]

La Sez. 2° Cass. si occupa dei poteri d’ufficio del Commissario usi civici e della [...]

In un giudizio in cui il Comune de L’Aquila aveva agito in via petitoria per [...]

Niente più post da mostrare