Cerca

Cass., sez.un., 11 novembre 1997, n. 11134, competenza della sezione speciale usi civici di appello e ricorso per cassazione

Avverso le decisioni in sede giurisdizionale dei commissari regionali per la liquidazione degli usi civici, concernenti le questioni sull’esistenza, la natura e l’estensione degli usi civici, nonché sulla natura delle terre gravate, è ammessa impugnazione alla corte d’appello di Roma (art. 32 l. n. 1766 del 1927, art. 3 l. n. 1078 del 1930), nel cui ambito la trattazione delle cause è attribuita ad una «sezione speciale» che è «istituita temporaneamente» dall’art. 9 citata l. n. 1078 del 1930; tale sezione, essendo composta esclusivamente da giudici ordinari appartenenti all’ordine giudiziario, va qualificato come giudice ordinario specializzato (non come giudice speciale), con la conseguenza che è inammissibile il ricorso per cassazione con il quale venga denunciato il conflitto negativo di giurisdizione (art. 362, 2º comma, n. 1, c.p.c.) tra la corte d’appello di Roma, sezione speciale usi civici, e la corte di cassazione, trattandosi di un conflitto insorto tra due giudici ordinari e non, come richiesto dalla norma, tra un giudice ordinario ed un giudice speciale (nella specie, nei confronti di una decisione del commissario regionale, erano state proposte impugnazioni sia alla corte d’appello di Roma, sia, ex art. 111 cost., alla suprema corte; entrambe erano state dichiarate inammissibili: la prima, sul presupposto che la decisione del commissario era assoggettata soltanto al ricorso straordinario per cassazione; la seconda, perché la decisione rimaneva assoggettata ad appello davanti alla corte d’appello di Roma; veniva, allora, proposto ricorso per cassazione per denunciare il conflitto negativo di giurisdizione, ricorso che, in base all’enunciato principio di diritto, è stato dichiarato inammissibile).

Brevi note

Articoli correlati

Proprieta_e_funzione_sociale_ Per la prima volta le Sez. Un. nella sentenza 14 febbraio 2011 n. 3665 sulle valli da pesca della[...]
La Sez. 2° Cass. si occupa dei poteri d’ufficio del Commissario usi civici e della non espropriabilità dei beni di[...]
In un giudizio in cui il Comune de L’Aquila aveva agito in via petitoria per il rilascio di beni appartenenti[...]
Giurisprudenza oramai consolidata ma è bene ricordarla. La parte in diritto dell’ordinanza e la massima sono pubblicate in www.osservatorioagromafie.it cass-civ-5989-2024
Niente più post da mostrare