Cerca

Cass., sez. un., 19 febbraio 2002, n. 2419, sentenza commissario di accertamento demaniale civico, impugnabilità, giurisdizione

La sentenza del commissario per gli usi civici che dichiari la natura demaniale civica dei terreni occupati o utilizzati da privati è reclamabile davanti alla corte d’appello, ai sensi dell’art. 32 l. 16 giugno 1927,n . 1766, e quindi non è impugnabile con ricorso per cassazione ex art. 111 cost., neppure limitatamente alle sole statuizioni concernenti l’illegittimità degli atti dispositivi dei terreni o la reintegra in favore del comune, in quanto, trattandosi di pronunce conseguenziali alla accertata demanialità civica, la sostanziale unitarietà ed inscindibilità dei capi della sentenza comporta che nei suoi confronti debba proporsi un’impugnazione unica volta a conseguire il riesame complessivo della pronuncia.

Brevi note

Articoli correlati

sulla competenza del Commissario usi civici  per l’accertamento della qualitas soli  nell’esproprio dei terreni gravati senza mutamento di destinazione cass-civ-13938-2024
Proprieta_e_funzione_sociale_ Per la prima volta le Sez. Un. nella sentenza 14 febbraio 2011 n. 3665 sulle valli da pesca della[...]
La Sez. 2° Cass. si occupa dei poteri d’ufficio del Commissario usi civici e della non espropriabilità dei beni di[...]
In un giudizio in cui il Comune de L’Aquila aveva agito in via petitoria per il rilascio di beni appartenenti[...]
Niente più post da mostrare