Cerca

Cass., sez. II, 12 marzo 2002, n. 3575, competenza sezione sp.usi civici corte di appello

Per il disposto dell’art. 32 l. 16 giugno 1927 n. 1766, il reclamo alla sezione speciale della corte d’appello di Roma costituisce il solo mezzo di impugnazione di regola esperibile contro le decisioni del commissario regionale per la liquidazione degli usi civici attinenti l’esistenza, natura ed estensione dei diritti di uso civico, mentre il ricorso per cassazione, ai sensi dell’art. 111 cost., costituisce rimedio utilizzabile contro le statuizioni del commissario in materia diversa da quelle indicate, per le quali non sia previsto altro specifico gravame (nella specie, enunciando il principio di diritto di cui in massima, la suprema corte ha dichiarato inammissibile il ricorso per cassazione ex art. 111 cost. presentato avverso la sentenza con la quale il commissario per la liquidazione degli usi civici aveva dichiarato inammissibile l’azione proposta per intervenuta decadenza sostanziale prevista dall’art. 3 l. n. 1766 del 1927.

Brevi note

Articoli correlati

La Sez. 2° Cass. si occupa dei poteri d’ufficio del Commissario usi civici e della non espropriabilità dei beni di[...]
In un giudizio in cui il Comune de L’Aquila aveva agito in via petitoria per il rilascio di beni appartenenti[...]
Giurisprudenza oramai consolidata ma è bene ricordarla. La parte in diritto dell’ordinanza e la massima sono pubblicate in www.osservatorioagromafie.it cass-civ-5989-2024
Questione di giurisdizione in materia di mutamento della destinazione d’uso di un terreno gravato da uso civico al fine di[...]
Niente più post da mostrare