Cerca

Tar Campania, Salerno, sez. II, 5 ottobre 2006, n. 1642 sull’art. 21 bis l.1034/1971

Il rimedio sostitutivo contemplato dall’art. 21-bis l. 6 dicembre 1971 n. 1034, non ha per presupposto il carattere assolutamente omissivo del comportamento ascrivibile all’amministrazione tenuta a provvedere, ma il superamento dei confini temporali entro i quali l’azione amministrativa, se vuole risultare conforme ad inderogabili esigenze di celerità ed efficienza, è destinata a svolgersi: si ché il compimento di qualsivoglia attività istruttoria, quando non sia sfociata nell’adozione del provvedimento conclusivo dell’iter procedimentale, non osta alla configurazione, giuridicamente intesa, del silentium.

Brevi note

Articoli correlati

Il  TAR Puglia, con una sentenza molto motivata, osserva che il provvedimento di legittimazione delle occupazioni abusive di terre del[...]
IL TAR BRESCIA HA RITENUTO IMPROCEDIBILE PER DIFETTO SOPRAVVENUTO DI INTERESSE  IL RICORSO  DEL COMUNE DI ZONE  AVVERSO IL DINIEGO[...]
Niente più post da mostrare