Cerca

Tar Calabria, Reggio Calabria, 25 febbraio 2012, n. 181, reclamo d’appello

– Le questioni circa l’esistenza, la natura e l’estensione dei diritti di uso civico, nonché quelle relative alla qualità demaniale del suolo, postulano la giurisdizione dei Commissari agli usi civici, prevista dall’art. 29 della legge 1766/1927, quando attengono a controversie aventi ad oggetto detto accertamento fra i soggetti titolari delle rispettive posizioni soggettive.

– In base al disposto dell’art.32 della legge n. 1766/1927 sul riordinamento degli usi civici, sono decisioni definitive dei Commissari regionali, suscettibili di reclamo alla Corte d’appello entro il termine perentorio di 30 giorni dalla notificazione (termine oggi abrogato, a seguito dell’entrata in vigore della lett. b del comma 41 dell’art. 34 del D.Lgs. N. 150/2011) quelle che, ancorché non esauriscano l’intero giudizio, risolvono questioni concernenti l’esistenza, la natura, l’estensione dei diritti di uso civico. Pertanto, ha carattere definitivo, ed è impugnabile nel termine perentorio anzidetto, la decisione del Commissario che accerta la natura demaniale civica del terreno oggetto dell’istanza di affrancazione.

Brevi note

Articoli correlati

Il  TAR Puglia, con una sentenza molto motivata, osserva che il provvedimento di legittimazione delle occupazioni abusive di terre del[...]
IL TAR BRESCIA HA RITENUTO IMPROCEDIBILE PER DIFETTO SOPRAVVENUTO DI INTERESSE  IL RICORSO  DEL COMUNE DI ZONE  AVVERSO IL DINIEGO[...]
Niente più post da mostrare