Cerca

Tar Campania, Salerno, sez. II, 17 aprile 2013 n. 908, occupazioni sine titulo

massima – A norma dell’art. 9 legge 16 giugno 1927, n. 1766, qualora sulle terre di uso civico appartenenti ai Comuni, alle frazioni ed alle associazioni o ad esse pervenute per effetto della liquidazione dei relativi diritti, siano avvenute occupazioni, queste, su domanda degli occupatori, potranno essere legittimate, sempre che concorrano unitamente le seguenti condizioni:

a) che l’occupatore vi abbia apportato sostanziali e permanenti migliorìe;

b) che la zona occupata non interrompa la continuità dei terreni;

c) che l’occupazione duri da almeno 10 anni.

massima – Gli usi civici costituiscono diritti di godimento, d’uso e anche di proprietà, spettanti alla collettività su terreni di comuni o di terzi, caratterizzati da forti vincoli di inalienabilità o di imprescrittibilità, in ragione della finalizzazione alla tutela di un interesse collettivo.

 

Brevi note

Articoli correlati

Il  TAR Puglia, con una sentenza molto motivata, osserva che il provvedimento di legittimazione delle occupazioni abusive di terre del[...]
IL TAR BRESCIA HA RITENUTO IMPROCEDIBILE PER DIFETTO SOPRAVVENUTO DI INTERESSE  IL RICORSO  DEL COMUNE DI ZONE  AVVERSO IL DINIEGO[...]
Niente più post da mostrare