Cerca

App. Roma, 21 gennaio 2011, intervento di terzo nel processo d’appello

Deve essere tenuto distinto il diritto processuale di un terzo di intervenire in appello, basato sulla prova dell’interesse ad agire, dal successivo accertamento di violazione sostanziale del diritto fatto valere, il quale, in sede di accertamento del pregiudizio dedotto dalla sentenza di primo grado, può non trovare accoglimento.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Brevi note

Articoli correlati

La concessione in enfiteusi perpetua di terreno gravato da usi civici non cambia in allodiale la natura del terreno, né[...]
La domanda di cessazione della materia del contendere nel giudizio di accertamento demaniale é sempre preclusa e inaccoglibile in considerazione[...]
Corte Appello Trento: 10 marzo 2011 n.73- ASUC della Frazione di Preghena: nullità della vendita di un bene frazionale effettuata[...]
Gli effetti del provvedimento dichiarativo della demanialità civica, adottato da un organo amministrativo terzo rispetto ai cittadini del comune e[...]
  App. Salerno, 2 dicembre 2002 – Conflitto sulla qualitas soli – giurisdizione del commissario Quando in giudizio instaurato davanti[...]
La regola feudale di Predazzo costituisce una comunione di diritto privato e pertanto la pretesa di detta regola di escludere[...]
Niente più post da mostrare