Cerca

Cass., ord., sez. II, 27 gennaio 2004, n. 1476, ricorso per cassazione,procedimento e termini

In tema di ricorso per cassazione contro le sentenze delle sezioni specializzate per gli usi civici delle corti d’appello, ai fini del decorso del termine breve di quarantacinque giorni, di cui agli artt. 7 e 8 l. 10 luglio 1930, n. 1078, la comunicazione della sentenza ai sensi dell’art. 133 c.p.c., ove eseguita mediante notifica tramite ufficiale giudiziario, deve ritenersi idonea anche ai fini dell’art. 7 cit., in considerazione della identità di contenuto, senza che in senso contrario possa invocarsi che la comunicazione ex art. 133 cit., ha come destinatario il procuratore costituito, mentre quella ex art. 7 cit., avrebbe come destinataria la parte personalmente, in quanto in entrambe le disposizioni, il destinatario della comunicazione (art. 133, 2° comma, c.p.c.) o dell’invio del dispositivo (art. 7 l. n. 1078/1930) viene identificato nella parte, ed è principio generale che nel corso del procedimento, le comunicazioni e le notificazioni si fanno non alla parte personalmente, ma al procuratore costituito.

Brevi note

Articoli correlati

La Sez. 2° Cass. si occupa dei poteri d’ufficio del Commissario usi civici e della non espropriabilità dei beni di[...]
In un giudizio in cui il Comune de L’Aquila aveva agito in via petitoria per il rilascio di beni appartenenti[...]
Giurisprudenza oramai consolidata ma è bene ricordarla. La parte in diritto dell’ordinanza e la massima sono pubblicate in www.osservatorioagromafie.it cass-civ-5989-2024
Questione di giurisdizione in materia di mutamento della destinazione d’uso di un terreno gravato da uso civico al fine di[...]
Niente più post da mostrare