Cerca

Cass., sez. II, 24 novembre 2008, n. 27893, opposizione alla verifica demaniale, termini

In materia di usi civici, l’opposizione di cui all’art. 30 r.d. n. 332 del 1928 determina l’insorgere non di una fase amministrativa di verifica degli accertamenti sulla qualità dei terreni previsti dall’art. 29, ma di una controversia giurisdizionale circa la natura e l’estensione degli usi civici, definita dal commissario, ai sensi dell’art. 29, 2° comma, l. 16 giugno 1927, n. 1766; tale opposizione relativa all’accertamento della qualitas soli non può essere attivata in qualsiasi momento ma esclusivamente nel termine, che ha natura perentoria, di trenta giorni dalla notifica del provvedimento da impugnare, e non dalla conoscenza aliunde.

Brevi note

Articoli correlati

lungo e complesso contenzioso per la liquidazione di usi civici su terre private CORTE SUPREMA [...]

La vertenza riguarda  il diritto di partecipare alla Regola della famiglia regoliera  e non dei [...]

sulla competenza del Commissario usi civici  per l’accertamento della qualitas soli  nell’esproprio dei terreni gravati senza [...]

La Sez. 2° Cass. si occupa dei poteri d’ufficio del Commissario usi civici e della [...]

In un giudizio in cui il Comune de L’Aquila aveva agito in via petitoria per [...]

Niente più post da mostrare