Cerca

Tar Lazio, sez. I, 16 marzo 2000, n. 5954, conciliazione giudiziaria, poteri di controllo regionale, impugnabilità

La regione non può esercitare il controllo di cui all’art. 29 c. 5°, l. 1766/1927 sulla conciliazione giudiziale in materia di usi civici e di proprietà collettive, in quanto esso si sostanzierebbe in un controllo amministrativo su un atto giurisdizionale; tale conciliazione infatti, pur richiedendo sempre una convenzione fra le parti, non può essere assimilata ad un negozio puro e semplice, ma, caratterizzandosi strutturalmente per il necessario intervento del giudice e funzionalmente per l’effetto processuale di chiusura del giudizio nel quale interviene, si concreta in un atto processuale impugnabile secondo le regole procedurali in materia.

Brevi note

Articoli correlati

Il  TAR Puglia, con una sentenza molto motivata, osserva che il provvedimento di legittimazione delle occupazioni abusive di terre del[...]
IL TAR BRESCIA HA RITENUTO IMPROCEDIBILE PER DIFETTO SOPRAVVENUTO DI INTERESSE  IL RICORSO  DEL COMUNE DI ZONE  AVVERSO IL DINIEGO[...]
Niente più post da mostrare