Commissariato per gli usi civici nell'Emilia- Romagna e Marche - sentenza 12 marzo 2021 n.1 tra la Comunanza Agraria dell'Appennino Gualdese, il Comune di Gualdo Tadino e la Regione Marche

  Abbiamo il piacere di pubblicare la sentenza del Commissario per gli usi civici dell'Emilia -Romagna e Marche che, ad esito di un complesso contenzioso, ha accertato e dichiarato che 24 ha. di bosco e pascolo nel territorio del Comune di Fabriano, amministrati dal Comune di Gualdo Tadino, appartiene al dominio collettivo della C.A. dell'Appennino Gualdese.

La questione è molto interessante: dall'indagine storica risulta che i beni della Comunità della montagna gualdese, amministrati in epoca feudale dal Comune di Gualdo Tadino e acquisiti al Patrimonio dello Stato pontificio  all'epoca della Prima Repubblica Romana  del 1798/99,  furono successivamente incamerati dalla Camera Apostolica che impose un canone enfiteutico a carico del Comune  per risanare il bilancio comunale.  Affrancata l'enfiteusi, i beni vennero venduti all'asta a privati con motu proprio pontificio che escluse dalla vendita i diritti civici di pascolo, legnatico  dei mulini e beni comunali ad uso pubblico e altri,  che rimanevano alla Comunità gualdese. Intervenuta la l.4 agosto 1894 n.397 sui domini collettivi nelle  provincie dell'ex Stato pontificio e dell'Emilia, gli utenti di Gualdo Tadino costituirono un Consorzio  per  l'amministrazione della Montagna di Gualdo che si trasformò poi in  Comunanza Agraria. La C.A. nel 1959 affrancava  le servitù civiche  corrispondendo ai privati proprietari il canone stabilito  dalla Giunta d'Arbitri di Foligno con sentenza del 1893. 

IIl Comune di Gualdo Tadino quindi ha amministrato i beni della Montagna gualdese in rappresentanza degli utenti  fino a quando venne costituito l'ente specifico di gestione. Abbiamo esposto in sintesi la vicenda storica  perche da essa risulta la permanenza dei diritti civici della comunità originaria anche nel caso in cui,  mancando l'ente specifico di gestione i beni della comunità sono amministrati dall'ente comune per conto della comunità stessa.  

Stampa

powered by social2s